Poster

Sherlock Holmes & the Internet of Things

screenshot-2016-10-22-18-51-51StoryCode Torino, nell’ambito del corso di Interactive Storytelling, presenta lunedì 24 ottobre 2016 un progetto realizzato da Sabrina Giacardi e Valentina Maffucci di Crossmedia Factory: va in scena “Sherlock Holmes & the Internet of Things“, prototipo narrativo lanciato dal Digital Storytelling Lab della Columbia University School of the Arts, successivamente rilocalizzato a Torino e presentato a diverse manifestazioni nazionali, come il Torino Film Festival, Droidcon Italy, Mini Maker Faire.

screenshot-2016-10-22-18-52-03I partecipanti al progetto sono chiamati a sperimentare la realtà aumentata e il collegamento con uno smart object, la VOODOO MONKEY, per immergersi nel tessuto narrativo della storia, trovare degli indizi, delle suggestioni, mentre un killer gioca con loro spiandoli attraverso una webcam e suggerendo le prossime mosse.

Entrare nella mente di un assassino, questo il loro obiettivo per ottenere la liberazione di un ostaggio.

Poster

Cthulhu: An Investigation on Very Low Frequencies

screenshot-2016-10-22-17-51-17StoryCode Torino è partner di questo percorso in Realtà Aumentata fra le strade del centro storico dell’Aquila, che mescola l’immaginario dello scrittore H. P. Lovecraft, la scienza delle VLF (Very Low Frequencies – usate nella sismologia), le nuove tecnologie come la Realtà Aumentata, e un sound design immersivo curato da Paolo Bigazzi Alderigi (Komplex).
Il progetto fonde in modo creativo e visionario gli elementi della realtà fisica, come in questo caso la città con i suoi edifici, spazi, piazze, monumenti e vie, con contenuti virtuali, audiovisivi digitali online da catturare con il proprio smartphone o tablet.
Tra le strade della città sono disseminati diversi contenuti audiovisivi geolocalizzabili e fruibili tramite l’app Aurasma: in questo modo, a partire dai contenuti “scovati” tra le vie del centro cittadino l’utente potrà raccogliere gli elementi per ricostruire una storia progettata in maniera non lineare, trovandosi immerso in un vero e proprio
“urban storytelling”, una narrazione intermediale costruita su frammenti video, interviste, contenuti letterari, gaming, ecc… che prende forma tra gli spazi urbani e quelli virtuali attraverso l’uso di mobile device (smartphone e tablet) e app per la Realtà Aumentata (Aurasma).
Il progetto ha dato luogo ad un workshop itinerante dal 3 al 7 Ottobre 2016 presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università dell’Aquila, organizzato da Mariano Equizzi (Komplex – Live Cinema Group) e dall’InterMed Lab in collaborazione con Mirko Lino (Università dell’Aquila; EmergingSeries).

Poster

VideoContaminazioni al Castello di Rivoli

DSC_0121StoryCode Torino collabora con il Castello di Rivoli – Progetto Nuovi Media all’evento “VideoContaminazioni -Fiction/Reality”, a cura di Massimo Melotti: esplorazione dei territori di frontiera fra arte contemporanea, cultura visuale, storytelling urbano.

L’evento, articolato in una sessione mattutina e una serale, si svolge il 28 maggio 2015 nella Sala Polivalente – Manica Lunga del Castello di Rivoli e viene trasmesso in streaming live da Telecom Italia.

Convegno (10.00-12.00)

 - 10.00: Arte e nuove tecnologie. Conferenza di Vuk Ćosić, considerato il “padre” della net.art, artista e teorico di fama internazionale;

– 10.30: Video e Cinema. Gianluca e Massimiliano De Serio, artisti visivi in cui l’immagine filmica si combina a elementi installativi, dialogano con Simone Arcagni, professore all’Università di Palermo e co-founder di StoryCode Torino, esperto di cinema e nuovi media;

– 11.00: Video e realtà aumentata. ConiglioViola, duo artistico che esplora con ironia videoart, musica elettronica, performance, sotytelling urbano e fotografia, dialoga con Giulio Lughi, professore all’Università di Torino e co-founder di StoryCode Torino, esperto di storytelling e media digitali;

– 11.30: Video e cultura pop e rave. Diego Scroppo, artista che lavora sulle culture alternative in una prospettiva di ricerca estetica radicale, dialoga con Massimo Melotti, critico d’arte e teorico del contemporaneo, responsabile delle Relazioni Esterne e del progetto Nuovi Media del Castello di Rivoli.

Inaugurazione della Videorassegna (19.00- 20.00)

– 19.00: conferenza-incontro con Vuk Ćosić e presentazione del volume di Giulio Lughi e Alessandra Russo Suppini, Creatività Digitale. Come liberare il potenziale delle nuove tecnologie, Franco Angeli, 2015. Saranno presenti gli artisti e i relatori della mattinata. A seguire:

Video e net.art. Proiezione di una selezione dei video di Vuk Ćosić, primi esempi di net.art.

Video e cinema. Gianluca e Massimiliano De Serio presentano una serie di lavori video che li hanno resi famosi nei festival cinematografici o che sono divenuti installazioni esposte in rassegne internazionali.

Video e realtà aumentata. Coniglioviola presenta un video sulle varie fasi di realizzazione di Le notti di Tino di Bagdad, opera di realtà aumentata operativa sul territorio torinese, e i video Romantici e Caffè nero bollente.

- Video e cultura pop e rave. Diego Scroppo indaga il fenomeno pop attraverso un video che ha per protagonista una band di psychedelic jazz. Segue la proiezione dei video El cuerpo en el espacio e Caina.

La Videorassegna resterà visibile al pubblico dal 29 maggio al 2 agosto 2015

Poster

Tre interventi StoryCode Torino al Salone del Libro

giovedì 14 maggio, ore 16.00

Acquisizione a schermo intero 2015-05-08 230310.bmpConferenza Stampa di presentazione della nuova proposta di arte pubblica di ConiglioViola, Le Notti di Tino di Bagdad, patrocinato da StoryCode Torino e premiato tra i dieci progetti di startup innovative  di Book to the Future: un esperimento di storytelling interattivo in Realtà Aumentata che conduce il lettore ad esplorare la città, recuperando sparsi frammenti di letteratura, immagini, e video in un tecno-labirinto emozionale.
Dove? Qui

venerdì 15 maggio, ore 18.00

augmented.reality.gamex519StoryCode Torino interviene a “Nuovi modelli narrativi in azione”, un evento Digital Festival 2015  per capire come evolve il primordiale bisogno di raccontare (e di ascoltare) storie: ibridi tecnologici multimediali e interattivi in Realtà Aumentata, spazi urbani che diventano scenografie dove i lettori/spettatori/utenti inseguono l’avventura diventando a loro volta protagonisti. Nuove prospettive per un’arte antichissima.
Dove? Qui

sabato 16 maggio, ore 15.00

winefoodWine & Food Storytelling”, premiazione dei racconti digitali presentati a Storython, manifestazione regionale che punta sull’utilizzo di nuove forme narrative per valorizzare il territorio. In accordo con gli obiettivi di Expo 2015, lo scopo è promuovere le eccellenze enogastronomiche del territorio piemontese: i prodotti e l’ospitalità degli agricoltori della provincia torinese e il lavoro dei vignaioli tra le colline del Monferrato.
Dove? Qui

 

 

 

Work

Futour 2045

Futour 20145

 

Futour 2045 è un esperimento di crowdstorytelling per la creazione di una piattaforma narrativa e di un universo finzionale partecipativo in cui sviluppare progetti di intrattenimento, culturali, educational e business.
Futour 2045 è il primo esperimento italiano di crowdstorytelling per la creazione di una piattaforma narrativa e di un universo finzionale partecipativo in cui sviluppare progetti di intrattenimento, culturali, educational e business.

  • Entertainment: l’obiettivo del primo anno di progetto dare vita alla prima stagione di una serie antologica transmediale, realizzata a partire dai contenuti coprogettati dagli utenti e trasposti in episodi narrativi da autori diversi.
  • Educational: Futour 2045 è una serie di workshop itineranti, i Futourmaking workshop, per la formazione nell’ambito della narrazione interattiva e transmediale e per la cocreazione di estensioni e contenuti dell’universo finzionale.
  • Futourology: Futour 2045 utilizza lo storytelling per approfondire, in collaborazione con istituzioni ed Enti che operano in ambito culturale, i temi suggeriti dal racconto: il futuro e lo sviluppo sociale, economico, tecnologico, culturale, la fuga dal presente, la fede, il confronto con i tabù della malattia e della morte…
  • Business: Futour 2045 è aperto alla collaborazione con le imprese creative per l’organizzazione di workshop brandizzati. Nei workshop brandizzati verranno sviluppati, attraverso metodologie collaborative, progetti editoriali legati all’universo Futour 2045, mettendo in relazione talenti e imprese creative.
Poster

Narrative Spaces

_DSC0149
Creare uno storytelling a partire da un’installazione di arte contemporanea.

Nel mese di novembre 2014, nella Sala delle Colonne del Castello del Valentino a Torino è stata esposta un’installazione dell’artista Sandro Martini, PATH YEREBATAN, che utilizza delle vele dipinte per tagliare lo spazio architettonico in diverse zone esperienziali.
Nell’ambito del progetto INVISIBILIA, durante la mostra sono stati documentati con foto e video le diverse fasi del montaggio dell’opera, le performance dei musicisti, attori e danzatori che vi si sono esibiti, i movimenti e le reazioni emozionali dei visitatori, raccogliendo in brevi videointerviste le loro impressioni. Nello stesso periodo ci sono stati diversi incontri con l’artista sul modo in cui un’opera di arte contemporanea può diventare punto di partenza per un racconto.
Al termine della mostra è stato documentato lo smontaggio della mostra, e tutti i materiali audio e video raccolti sono in fase di rielaborazione per dar luogo a una sperimentazione di transmedia storytelling.

Ecco la pagina dell’evento su Facebook!